A
Annamaria Pittari, di Atelier Acerenza
Redattore